Natale 2017

Beato Angelico - Adorazione del Bambino (1440-1441)
Firenze - convento di san Marco

 

La culla e la croce

Rugiada mattutina
Odore di fieno e di terra bagnata
coeli et nubes pluant justum
Sconosciuta rugiada dal cielo
Manna tra le tende del campo israelita
Man hu – cos’è? – Chi è quel Bambino e quella Mamma
Che su di lui si china? Giuseppe dalla barba bianca
San Domenico dal capo tonso e sant’Elena regina
Non vedi? La grotta suggerisce una forma di croce
E un sigillo di croce suggella il nimbo del neonato
Tra l’asino e il bue la mangiatoia è un sepolcro
Ti hanno deposto in un ostensorio
Di terra fredda e fili d’oro e paglia
Un lenzuolo il sudario che Ti avvolge
Misura la distanza tra Te e il sepolcro
Ti adorano chini e Tu accogli e benedici
Inarcando schiena e braccia come sul Calvario
Mentre due quinte di vimini intrecciati separano morte e vita
Le vesti gli sguardi le mani – tutto lievita
Gesù seme divino prezioso amore!