Presentazione

“Il tempio è il cielo terrestre,
nei suoi spazi celesti
Dio abita e passeggia”

Patriarca Germano

 

Presentazione di Maria al tempio

(21 novembre 2018 / Liturgia bizantina - Protovangelo di Giacomo)

Come una rosa si arrampica sul muro dell’orto
Cercando la luce – così la fanciulla Maria saliva i gradini del Tempio
E la sommità del Tempio si tingeva per lei di una luce d’alba

Alle spalle i genitori e sulla sommità della gradinata
Il sacerdote fermo ad attenderla in una prospettiva
Rovesciata che le dava capogiro

Quattordici gradini le correvano incontro come una scala
Puntata verso il cielo – intorno a lei le vergini compagne
Operose api l’attendono nelle celle del Tempio
In un ronzio di preghiera

Ancora una sera – ancora un silenzio – ancora una scala
E Maria sola sulla sommità del Tempio
Nascosta nell’ombra luminosa della non-conoscenza
Riceve dall’angelo un cibo dal cielo

Cibo che prefigura Cristo che un giorno
Nel suo grembo sarebbe disceso

Rallegrati vergine gloriosa con le tue compagne!
Tu stessa sei il Tempio e nel tuo corpo è disceso
Colui che ha disteso il cielo come una tenda
Tu sei il Tempio sulla cui sommità la luce mattutina s’invera

Tu sei rosa che segna di là del muro
L’inizio della primavera.