Incombe l'estate

Non senti le foglie maturano piano
Una grande ala d’ombra sul campo assolato
Le macchie di sangue dei papaveri
Spruzzi di cielo dei fiordalisi nel grano
Non senti l’aria si scalda tra foglia e foglia
E sulla cima del ramo gonfia il temporale
Non senti ci strappa via come il lampo
Uno scroscio a stravento rovescia e sbianca ogni foglia
Mostrando nudo l’intreccio di nervature disegnate da un Altro
Sulla nostra pelle assetata.