Foglie in restauro

Foglie in restauro era scritto col nero carbonchio dei rami
Più sotto da una siepe di magnolia spuntavano becchi

Acuti di gru nuove gemme dipinte di viola
A riempire l’aria di strilli acuti

Tromba all’unisono ripetono
E’ bella primavera anzitempo a celebrare al vita

Che si dovrà immolare

La terra è un grumo sta per esplodere
Geme l’agnello e un’incognita questo vento porta

Odore di una terra che non conosco.