Fiore divino

Fiore tra i grappoli di glicine nascosto
Fiore tra i fiori! con l’ape nascondi l’impulso del cuore
Che più non sente e non afferra più il tempo
Tempo muto del ricordo! quando l’ombra del tempo
Scendeva furtiva nel giardino
A portare il tuo mistero di fiore
E a sera la ghiaia cantava al prolungarsi dei giochi

Arimortis – Arivivis
E sui gradini tu quieta nell’ombra del fiore salivi

Fiore divino! un tempo nuovo custodisci
Dal vento che smemora le cime – e non è dato comprendere
Tribolazione e speranza nel via vai dell’acqua
Tra orizzonte e riva il segno appare e scompare
E non è dato comprendere mentre il tuo tempo riposa
Sulla meridiana dell’angelus

Dito d’ombra sul muro sbrecciato e vocio di rondini
E tu caro polline di suoni da un’antica breccia.